GLOSSARIO

CAUSE DELLA REAZIONE ALLERGICA ALIMENTARE

L’allergia agli alimenti e le allergie più in generale condividono alcuni fattori di rischio, tanto è vero che i bambini con allergia alimentare sono più propensi a sviluppare altre malattie allergiche, come l’asma, più avanti nel corso della loro vita e, viceversa, chi soffre di una allergia, come la rinite allergica, ha un rischio maggiore di soffrire anche di allergia agli alimenti. Ma il vero motivo per cui si è allergici a qualcosa al momento è poco chiaro.

Nelle allergie alimentari si pensa che una predisposizione genetica agisca insieme ad alcuni fattori di rischio nutrizionali. E’ stato chiamato in causa il momento di introduzione di alcuni cibi nella alimentazione nelle prime fasi della vita di una persona. Per questo si consiglia di non dare cibi solidi ai bambini prima dei sei mesi di vita e di allattare al seno il bimbo per almeno sei mesi. Anche la quantità di acido nello stomaco e la composizione della flora batterica nell’intestino potrebbero avere un ruolo nell’influenzare la suscettibilità a una allergia alimentare.

 

Quanto è frequente l’allergia alimentare 

In Europa più di 17 milioni di persone soffrono di allergie alimentari e un bambino su quattro in età scolare ha una malattia allergica. 

In Italia si calcola che circa il 3,5% della popolazione generale soffra di allergia ad alimenti, vale a dire circa due milioni e centomila persone. In media si stima che  l’1-2% della popolazione adulta e il 4-7% di quella infantile soffrano di allergia alimentare. 

L’allergia alimentare è più frequente nei bambini rispetto agli adulti perché l’ipersensibilità verso alcuni alimenti può scomparire, a partire in genere dal terzo-quinto anno di vita.

Ciò avviene perché, crescendo, l’apparato digerente si sviluppa e diminuisce la capacità dell’organismo di assorbire alimenti o ingredienti che scatenano le allergie. 

Il numero di reazioni allergiche ad alimenti gravi e pericolose per la vita stessa (reazioni anafilattiche) è in aumento specialmente tra i bambini. Infatti le allergie alimentari sono la prima causa di shock anafilattico nei bambini da 0 a 14 anni di età e negli ultimi 10 anni si è registrato un aumento di 7 volte nei ricoveri ospedalieri in emergenza dei bambini per reazioni allergiche.  

 

Scopri di più sulle allergie alimentari

 

Le informazioni contenute in questa sezione sono fornite da JWT e non sostituiscono in alcun modo il parere medico o il consiglio del farmacista


Share on Facebook Share on Twitter

Scopri dove si nasconde l’allergia!

Seleziona la tua area e scopri come si muoveranno i pollini delle piante nella settimana.

Le Allergie

Non sono tutte uguali. Scopri la loro classificazione.

Combatti l'allergia

Guarda il video